venerdì 26 novembre 2010

Bucatini all'amatriciana


Eccomi quiiiiiiiii... e così è finita un'altra settimana lavorativa.. per fortuna!!!! Non vedevo l'ora di passare due giorni a casuccia al caldo.. visto il freddo e la pioggia arrivata all'improvviso in questi giorni..

Ieri sera è venuto a cena il nostro carissimo amico Paolo.. e Riccardo ha voluto cucinare sia il primo che il secondo!!! Questi bucatini sono in origine nati ad Amatrice, una piccola cittadina Laziale al confine con l'Abruzzo, ma sono da considerarsi a tutti gli effetti un piatto tipico della cucina romana.
Ovviamente chi meglio di Riccardo poteva realizzarli???? è o non è lui il mago della cucina 'gnorante????? ahahahahaahahaha :-D
Però.. devo dirvi che son davvero troppo buoni.. non da mangiare tutti i giorni.. ma ogni tanto.. "quando ce vò.. ce vò!" ;-)

Per chi si stesse chiedendo se mi fossi messa in ferie culinarie... eh no..eh no.. tornerò presto con tante ricettine... che sto elaborando!!! ahahahahaha


Ingr.: (per 4 persone)
gr. 500 di bucatini
2 fette di guanciale
gr. 400 di pancetta affumicata
1 barattolo grande di pomodori pelati
1/2 barattolo piccolo di polpa di pomodoro
1/2 cipolla
vino bianco secco
olio extravergine di oliva
pepe nero
sale
pecorino romano

Preparazione:
Soffriggete la cipolla tagliata finemente a fuoco medio finchè non si consuma. Unite il guanciale tagliato a pezzetti ed i cubetti di pancetta e fateli rosolare, bagnate col vino bianco e fate evaporare. Aggiungete il pomodoro ed il pepe ed iniziate la cottura a fuoco medio per circa 1 ora o finchè non sarà perfettamente cotto aggiungendo acqua ogni tanto. Aggiustate di sale se occorre. Scolate la pasta al dente, conditela col sugo e servite cospargendo di abbondante pecorino grattugiato.

22 commenti:

  1. ciao cara . e da tanto che non passavo :) che bello questo piatto che fame !! buon weekend :)

    RispondiElimina
  2. Pòssinacciaccàvve... sto a mozzica' lo schermo !!!
    Hahahahahaha
    Grande Riccardoooo !!!!!!

    RispondiElimina
  3. ohhhh...questa si che è una ricetta degna di un blogger che scrive dalla città più bella del mondo!!!!!...però 'cipicchia come pioveva stamattina...ho sentito il rumore della pioggia via web!!!!
    baci a te e Ric e buon w.e.

    p.s.
    ci vuole fortuna non c'è nulla da fare .....pure il lui che cucina!!! 'nnaggia

    RispondiElimina
  4. Ma il mitico Ric dove lo hai pescato? E' un mago tra i fornelli, se non stai attenta ti fa fuori dalla cucina :)) E quanto ci starebbe bene quel piatto di bucatini per cena :D! Baciotti, buon week end

    RispondiElimina
  5. Che buoni!!! mi piacerebbe assaggiare questi fatti da chi li conosce bene! bravo eheheh...non vorrai mica te i meriti ^__- buon fine settimana ^__^

    RispondiElimina
  6. Ma lo sai che ci si contende la natalità di questa ricetta?
    Amatrice inizialmente faceva parte della provincia di Chieti e quindi era Abbruzzese come ricetta, poi è passata al Lazio e quindi è diventata tipica laziale e Romana per eccellenza:D
    Io sono ciociara-romana-aquilana, quindi questa pasta l'adoro!
    Il tuo amico è stato bravissimo
    Fagli i complimenti da parte mia e chiedigli se cucina a domicilio:D

    RispondiElimina
  7. I bucatini all'amatriciana piacciono tantissimo a mio marito, peccato che li cucino proprio di rado a causa della lotta perenne con l'ago della bilancia...! Ma hai ragione, alle volte ce vò!! ciao cara!

    RispondiElimina
  8. Io li preparo almeno una volta e settimana...sono il nostro scacciapensieri...:-)
    devo provare con il vino bianco perchè utilizzo sempre il rosso...

    RispondiElimina
  9. questa versione di Riccardo deve essere particolarmente gustosa, io ci metto solo il guanciale , niente cipolla e niente vino...proverò anche questa, grazie!Buon we, un bacione

    RispondiElimina
  10. Ciao Caludia...piatto tipicamente romanaccio, proverò senz'altro!!!!

    Baci Bimba80.

    RispondiElimina
  11. E vabè allora ditelo! Mettevo la museruola alle papille!

    (scatta battuta) ma non è A matriciana? (maròòòòòòò che fighiuuuuuura)

    RispondiElimina
  12. Buongiorno tesoro, infatti Riccardo ha eseguito questa ricetta in maniera impeccabile...me ne farei una scorpacciata!!! adoro la cucina casereccia e rustica, soprattutto in questi periodi freddi!!!m baci e buon week end :)

    RispondiElimina
  13. Ah ah io da buona lombarda mi cimenterò sicuramente, perché questa ricetta é stata fatta dal mago della cucina:un nome una garanzia.
    baci baci

    RispondiElimina
  14. "gnoranti" o no,questi bucatini so a fine der monno,Cla....eheheh e ti rubo una forchettatuzza...buon weekend,cara!!!bacioni

    RispondiElimina
  15. da buona romana non potevi che fare centro! bravissima :D

    RispondiElimina
  16. Ciao! Eh qui c'è da fare i complimenti al cuoco! Un piatto tradizionale ma che è sempre apprezzato e gustoso, poi con i bucatini vien una meraviglia!
    Baci baci

    RispondiElimina
  17. chissà se stavolta mi prende il commento..Troppo buona l'amatriciana!Prima o poi vengo a pranzo da te...Un bacione

    RispondiElimina
  18. Te l'ha preso si.. la ricetta è datata!! Il problema è con la ricetta appena postata!!! smackkk

    RispondiElimina
  19. Sicuramente sara' un'ottima preparazione ma non ha niente a che vedere con la amatriciana di Amatrice (protetta da disciplinare), ne tanto meno con quella romana/amatriciana dove si prevede il solo uso del guanciale e del peperoncino al posto del pepe. L'uso della cipolla c'e' solo nella ricetta romana, l'olio non va aggiunto ma va sfruttato il grasso del guanciale disciolto nella rosolatura. Nella ricetta amatriciana si prevede il solo uso degli spaghetti. In quella romana sono ammessi bucatini o rigatoni. Non va usata la passata di pomodoro ma solo i pomodori pelati sgocciolati. Nella ricetta primordiale era in uso solo concentrato di pomodoro. Non me ne voglia, ma visto che non parla di "rivisitazione" della ricetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo un'altra cosa: il sugo all'amatriciana cuoce in un tempo massimo di cinque minuti, qui si parla di "UN'ORA" ????

      Elimina
    2. Mi dispiace se ho urtato la sua sensibilità.. Noi l'abbiamo semrpe fatta e mangiata così.. Qui passano ricette come la carbonara senza panna.. e non può passare l'amatriciana romana con la passata, la pancetta ecc??? Noi il sugo lo cuociamo sempre per almeno un'ora. Non mi proclamo chef stellato.. Il mio è un piccolo spazio dove condivido le ricette di casa mia.. Non ho mai.. e sottolineo MAI.. avuto la presunzione di scrivere che una delle mie ricette è "l'originale". Peril resto mi scuso se questo post non è stato di suo gradimento.. Saluti

      Elimina
    3. Gentile Signora Di Nardo, il mio post del 2 maggio scorso era riferito alla ricetta dell'amatriciana che Lei non ha descritto come una Sua variante, cosi' come invece ha precisato nella ricetta della "carbonara" (anche in questo caso errata negli ingredienti e nella preparazione), ma visto che ha precisato che si tratta di una Sua variante non mi sono permesso di intervenire. Ad ogni modo se i suoi lettori volessero provare la vera ricetta amatriciana le consiglio di visionare questo link,

      https://www.youtube.com/watch?v=9yIaSVYKzOY

      o in alternativa , nel modo più raffinato, pur rimanendo nel giusto disciplinare:

      https://www.youtube.com/watch?v=VwN30dPPw2Y


      dove si evidenziano, oltre agli ingredienti corretti , il giusto tempo di lavorazione, ridotto di almeno 50 minuti dalla Sua preparazione. La Sua VARIANTE sara' certamente un'ottima pasta con la pancetta e guanciale ma non di certo una amatriciana. Saluti.

      Elimina

Lascia traccia del tuo passaggio, mi farebbe piacere! :-D
I commenti solo per invitare a contest, donare premi, pubblicizzare blog o prodotti o per farsi votare ricette, verranno eliminati!

Expo Milano 2015 - Contributor - worldrecipes Top blogs di ricette Gustosa Ricerca – ricette di cucina e motore di ricerca di ricette